COLORAZIONE SEMI PERMANENTE


Volevi solo dare dei riflessi ha tuoi capelli ma,

Ti sei ritrovata con la barratura del colore, 

Dopo poco tempo ti sei ritrovata con la ricrescita,

Il colore che ti hanno fatto è cupo e pesante,

Eppure ti avevano garantito che nulla di tutto questo sarebbe successo.

Abbiamo parlato nelle dirette precedenti di 2 delle tre tipologie di colorazione che ci sono in commercio …..

Non ci sono dubbi su queste due: colorazione diretta (cioè senza additivo, il colore si applica puro come è, dura pochi lavaggi e non altera il colore e la struttura del tuo capello), ad ossidazione (altera il colore e la struttura del tuo capello in modo permanente).

Il problema sorge quando andiamo a parlare di colorazione semipermanente; 

Si, perché a qualcuna di voi non è mai capitato di parlare con il proprio parrucchiere di colore semipermanente, lui vi dice …. Non ti preoccupare ti faccio questo colore che non ti crea problemi e non ti lascia assolutamente la barratura che a te non piace !!!!!!!!

Ma invece cosa è successo? Che oltre a ritrovarti con la barratura, spesso ci si trova con un colore cupo e pesante e con la ricrescita dei tuoi capelli che si nota e ti obbliga a dover rifare il colore dopo poco tempo. Oppure con il capello che dopo un po’ di lavaggi inizia a schiarire e decisamente non era questo che volevi. Perché succede questo?

Purtroppo nel mercato delle colorazioni semi permanenti, non è così scontato trovare colorazioni che realmente siano tali. Infatti tante aziende si differenziano mediante l’utilizzo di attivatore (ossidanti) a più o meno volumi e il tempo di posa .

In genere, le colorazioni semi permanenti sono composte da un colore e un attivatore del colore: entrambi i prodotti si miscelano al momento dell’applicazione per ottenere il composto colorante (la tintura vera e propria). Perché questo procedimento? Perché, pur essendo a durata relativamente bassa,così dicono la maggior parte delle aziende, la tintura semipermanente deve colorare i capelli per almeno 6 settimane e scaricare completamente senza lasciare barratura. Ciò è possibile solo se i pigmenti penetrano nella fibra capillare quel tanto che basta a non essere “lavato via” dopo qualche shampoo ma senza andare troppo all’interno come la tinta vera e propria.

Naturalmente, l’attivatore delle tinture semipermanenti ha una potenza (in gergo tecnico, si dice, “volume”) decisamente inferiore rispetto alle tinture permanenti. Ecco perché spesso si fa riferimento ad altre diciture quali “tono su tono“, “senza ossidazione”, “senza ammoniaca”.

Solitamente, questi prodotti consentono una limitata copertura dei capelli bianchi e hanno una capacità riflessante superiore rispetto alle colorazioni permanenti. Sono adatti a chi vuole modificare solo temporaneamente il colore dei propri capelli e/o mascherare i primi capelli bianchi.

Se anche a te è successo di ritrovarti con la crescita visibile con un colore cupo ,e con il capello che si schiariva, è perchè non è stato utilizzato un vero semi permanente ma un vero colore. 

Se vuoi delle garanzie per non incappare in questo rischio ricordati che o il tuo parrucchiere te lo garantisce al 100*100 che il prodotto da lui utilizzato (preferibilmente da parecchio tempo )o ti conviene optare per un colore diretto che durerà sicuramente meno ma senza darti  spiacevoli risultati oppure opta per delle terre che aiuteranno anche il tuo capello a rimanere più corposo e strutturato.

CONTATTACI 0371 898900