fbpx

COME USARE LA PIASTRA ANCHE A CASA!


L’ uso errato della piastra porta i tuoi capelli ad assottigliarsi, se poi sono chimicamente trattati tutto è amplificato, possono addirittura diventare elastici e così i danni aumentano, diventando sempre più’ visibili … e continuando cosi sempre sempre peggio.
Stefania che ci segue su Facebook ha posto un quesito e vorrebbe dei consigli per utilizzarla al meglio senza arrivare a danneggiare il suo capello …..
Stefania vuole saper la temperatura della piastra ,quante volte la deve passare ,e se i capelli si rovinano a furia di passarla .
Qualsiasi donna ha usato la piastra almeno una volta nella sua vita o per stirare o per arricciarle.
Le piastre di ultima generazione sono molto meno aggressive di quelle di una volta e danneggiano meno la fibra del capello.
Ma se utilizzata male può danneggiare veramente in modo irreversibile il vostro capello
Innanzitutto bisogna applicare un vero protettore di calore distribuendolo in modo uniforme su tutte le lunghezze senza tralasciare nessuna zona, la piastra va usata a capello perfettamente asciutto altrimenti lo sbalzo termico può fare evaporare l’acqua troppo velocemente seccando così fibra del capello .
Le ciocche che prendete non devono essere più larghe della piastra se no le zone estere non verranno piastrate correttamente e soprattutto lo spessore non deve superate il centimetro, seno’ la parte interna della ciocca rimarrà più fredda e non si liscerà.
Il passaggio deve essere unico così da garantire una lisciatura senza trattare e scaldare troppo la ciocca , teniamo presente che tutti questi accorgimenti valgono se la piastra è ad uso professionale ,il famoso unico passaggio non esiste se le piastre sono (da supermercato ) poiché non hanno la stessa potenza solitamente si aggira intorno ai 200 gradi, e la stessa velocità di lisciatura .
Per le più sfegatate del liscio è possibile ripassarla anche il giorno dopo ma abbassando la temperatura a 80 g giusto da scaldare la ciocca per riprenderla …..
Vi ricordiamo che comunque l’uso sfegatato della piastra a lungo andare può danneggiare il tuo capello quindi fai tutto quello che ti abbiamo appena consigliato per salvaguardare il più possibile il tuo capello senza però dimenticarti che l’uso improprio porta sempre a delle conseguenze a volte irreparabili.
Ciao!

 

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=3WPK&webforms_id=19683002″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]

COME TRATTI I CAPELLI A CASA?

 

Senza che tu te ne accorgessi i tuoi capelli hanno iniziato ad assottigliarsi, a seccarsi ad opacizzarsi se poi , sono chimicamente trattati tutto è amplificato, possono addirittura spezzarsi e sbriciolarsi .
E allora passi ancora di più la piastra, perché ti hanno detto, che se continui a passarla il tuo capello si lucida.
Si!.. l’effetto ottico che può darti il passaggio della piastra può essere quello di lucidarti il capello ….. ma come ti ho appena detto è semplicemente il classico effetto ottico , se ti asciugassi semplicemente il capelli con il Phon sarebbe brutto opaco, spento , crespo e sfibrato.
vogliamo dirti una cosa …… se continui così sarà sempre peggio , arriverai al punto di doverti tagliare i capelli perché non hanno più volume , consistenza e non tengono più la piega ….
Se non vuoi che ti succeda questo ricordati di usare per la detersione, dei prodotti mirati per il tuo capello che non contengano sostanze chimiche aggressive come parabeni, bentemoni, ppd e siliconi.

prima di passarti la piastra applicare sempre un protettivo, non usarla se il tuo capello non è stato lavato, perché potresti con il calore molto alto della piastra, sigillare all’ interno dei capelli tutte le schifezze che ci sono nel’ aria;
Se invece il problema è già presente è più complicato, ma noi ti possiamo comunque aiutare:

1 TAGLIATI I CAPELLI
2 RICONDIZIONATI I CAPELLI
3 NON USARE PIU LA PIASTRA
4 USA SEMPRE UN PROTETTIVO SE PROPRIO DEVI PASSARTI LA PIASTRA

Per ovviare all’uso della piastra fatti fare un lisciante naturale che dura qualche mese così non dovrai passare per un po’ di tempo la piastra.
Quindi il nostro più sincero consiglio è quello di trattare molto bene il tuo capello partendo dalla detersione fino ad arrivare al protettivo per il calore del Phon e della piastra.

 

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=3WPK&webforms_id=19683002″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]

 

IL COLORE HA ESAURITO I TUOI CAPELLI?

Se ti colori spesso i capelli per coprire il bianco o, semplicemente, perché ti piace cambiare look avrai di certo notato che dopo numerose colorazioni i tuoi capelli iniziano a sembrare sempre più secchi, sono meno lucidi e spesso ti sembrano addirittura sbiaditi. Tutto ciò è normale e si manifesta, solitamente, per due motivi. Il primo è da attribuire ai prodotti che usi per la cura del tuo capello che potrebbero essere anche costosi, ma magari non adeguati perché troppo aggressivi o, semplicemente, non idonei alle tue necessità. La seconda causa potrebbe essere attribuibile al tuo parrucchiere. E’ possibile, e capita spesso, che ti applichi il colore anche sulle lunghezze ogni volta che vai a sistemare il colore o a fare un ritocco e questa procedura non è molto indicata per la salute e la cura del tuo capello. Infatti, dopo svariate applicazioni, il capello non riesce più a trattenere il colore e tende a sbiadire e opacizzare sempre più. E’ importante prendere coscienza di questi due problemi frequenti ed agire di conseguenza. Non agire  e perseverare nell’errore ti porterà a conseguenze piuttosto drastiche. Ti potrebbe capitare di dover tagliare parecchio i capelli, dicendo così addio al tuo splendido look, tanto desiderato e per cui hai speso tempo e soldi. Molti nostri competitor come soluzione a quanto detto ti propongono un riflessante o un bagno di colore, per noi questa non è una soluzione. Serve a tamponare il problema a breve termine, ma non lo risolve e quindi noi reputiamo inutile questa procedura. La nostra soluzione è mirata a garantire la salute del tuo capello nel tempo affinché tu possa sempre avere un colore bello, luminoso e duraturo. Questa situazione si ottiene facendoti applicare o applicandoti un rigenerante  prima di fare il colore. Un rigenerante è un trattamento in grado di ricostruire i capelli ,restituendo loro l’idratazione e le proteine perse a causa di trattamenti come il colore, ma anche dall’uso dell’asciugacapelli oppure semplicemente a causa di agenti atmosferici aggressivi come lo smog e  il sole o il freddo  molto intensi. Grazie a questo trattamento il tuo capello sarà quindi, appunto, rigenerato e riuscirà a trattenere il colore più a lungo mantenendolo lucido nel contempo. Un fattore importante da valutare è la scelte di un rigenerante di qualità. Per essere definito tale non deve contenere nel bugiardino tutti quegli elementi aggressivi che ti invitiamo sempre ad evitare nella scelta dei tuoi prodotti (proprio come noi facciamo nella scelta dei nostri) e questo è importante affinché i danni ai tuoi capelli si riparino in modo naturale e duraturo. Quindi possiamo concludere dicendo che se vuoi un colore duraturo su capelli lucidi e brillanti la tua soluzione è un buon rigenerante.

 

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=3WPK&webforms_id=19683002″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]

ALICE IN ROSA

Questo tipo di colore negli ultimi anni è diventato usatissimo nei saloni  ed è andato ad aggiungersi agli altri colori della tavolozza. E’ un colore deciso e molto forte che chiaramente non è portabile da tutti, ma soprattutto non può essere applicato su qualsiasi taglio. Come abbiamo già spiegato il colore deve sempre essere complementare al taglio e se così non è l’insieme non potrà dare il tanto ricercato effetto “wow”. Un taglio corto, come quello di Alice, può essere colorato totalmente. Un taglio lungo, invece, non permette una colorazione totale perciò bisogna andare ad individuare quelle zone che valorizzano il taglio e colorare quelle. Questo per evitare  un lavoro pacchiano come si vede in giro ultimamente. Il look della modella con quel colore può essere romantico oppure aggressivo in base alla piega che si darà al taglio. Nello stile romantico la piega sarà più morbida mentre invece nel look aggressivo  si utilizzeranno capelli sparati e forme nette. Questo tipo di taglio è particolarmente adatto ai visi di forma ovale o anche leggermente rotonda, visto che la fronte viene coperta parzialmente come pure una parte laterale del viso. Se decidete di fare colori così estremi tenete sempre presente che ovviamente necessitano di una maggiore manutenzione e cura rispetto a un colore più tradizionale.

 

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=3WPK&webforms_id=19683002″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]

IL RACCOLTO

Questa  è acconciatura molto particolare e di grande effetto creata basandosi su diverse asimmetrie e l’utilizzo di posticci (ciocche finte). Lo scopo è di dare un’immagine forte e decisa. Questo raccolto è  molto indicato per un evento mondano e si addice ad una donna a cui piace essere al centro dell’attenzione con stile e buon gusto. Se si decide di utilizzare un’acconciatura come questa un ruolo molto importante lo hanno il trucco e l’abito. E’ particolarmente indicata per chi ha un viso ovale oppure rotondo. E’ interessante l’utilizzo dei posticci, infatti, impiegati nel modo giusto possono aiutare anche chi non ha i capelli eccessivamente lunghi o folti a creare effetti, acconciature e raccolti molto particolari tipo questo.

 

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=3WPK&webforms_id=19683002″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]

Il TAGLIO GEOMETRICO

 

Questo è un taglio geometrico molto deciso. Il colore nero blu molto intenso e pieno crea un abbinamento semplice, ma molto d’impatto. Il bel viso della modella ha permesso una frangia molto corta e decisa; solo sulla parte finale una morbida lavorazione dona un’ elegante leggerezza. Un taglio molto semplice da portare e gestire, creato per un servizio fotografico, ma contemporaneamente facile da portare. E’ un insieme di particolari che rendono quest’immagine azzardata, ma elegante.  Sicuramente il particolare della frangia non è indicato a persone che hanno un’ attaccatura eccessivamente bassa e anche l’incarnato deve essere adeguato. Quello chiaro della modella insieme ai suoi  occhi scuri ci hanno permesso di poter osare con un colore profondo come il nero blu, colore da evitare invece per quelle persone che hanno un incarnato scuro, a meno che non siano disposte a fare un taglio molto corto. Questo colore quindi  è sicuramente molto  indicato per chi ha la carnagione chiara e  perciò lo porterà con più semplicità, consigliamo comunque, anche per chi ha la carnagione chiara,di abbinarlo ad un taglio medio corto questo perché il nero blu è un colore che incupisce molto e sui capelli lunghi il risultato non sarebbe adeguato.

 

 

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=3WPK&webforms_id=19683002″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]

COLORAZIONI ORGANICHE O COLORAZIONI CON PETROLATI

Oggi sempre più donne hanno problemi di intolleranza ai colori, tante addirittura credono di essere diventate allergiche, ma spesso non è così. La causa di queste irritazioni e intolleranze è spesso dovuta agli ingredienti delle colorazioni petrolchimiche utilizzate per ottenere diverse nuances di colori e varie tipologie di colorazioni con facilità di applicazione e una perfetta copertura del capello bianco . A lungo andare, sulle cuti più sensibili, questi colori a base di petrolati possono causare le irritazioni e le intollarenze a cui accennavamo. Inoltre il loro continuo utilizzo può provocare delle sovrapposizioni di colore e anche privare il cartello della naturale trasparenza dando così vita a colori cupi simili a quelli delle parrucche. I colori organici sono, invece, sì di derivazione chimica, ma non utilizzano petrolati, parabeni, resorcina e ppd. La mancanza di queste sostanze particolarmente aggressive  nel prodotto consente, a quelle donne che sono diventati intolleranti o soggette a irritazioni causate dai colori errati,  di ritornare a tingersi i capelli. I prodotti naturali o con basso contenuto di chimica possono essere un po’ più difficili da utilizzare e per questo non tutti sono in grado di utilizzarli. Possono anche presentare qualche limitazione  nella colorazione, per esempio, là dove ci sono tanti capelli bianchi sotto una forte luce potrebbe sembrare che sia rimasto qualche capello poco coperto, ma non è così. Si tratta solo di una copertura morbida infatti un altro grande pregio di questa tipologia di colorazione è che non dà sovrapposizione quindi  il capello mantiene la sua naturale trasparenza e i colori che si ottengono sono morbidi e naturali anche in caso di colorazioni palesemente fasulle tipo i rossi più intensi o i rame.

Il nostro consiglio quindi è di fare attenzione quando vai dal parrucchiere a farti fare il colore. Se ti pizzica, ti brucia e dopo ti lascia con la cute tutta arrossata e piena di prurito il problema potrebbe essere proprio la tipologia del colore che ti è stato utilizzato. in quel caso chiedi al tuo parrucchiere di mostrarti la confezione del colore e se all’interno ci sono gli ingredienti che  nominati prima chiedigli di non usarla più su di te oppure cerca un parrucchiere che utilizzi colorazioni organiche certificate.

Un ultimo consiglio. Se ormai la tua cute presenta i danni finora descritti e  ti da i segnali di cui abbiamo parlato, dovresti iniziare anche a prestare attenzione agli shampoo che utilizzi per lavarla. È molto importante che non contengano sostanze aggressive tipo quelle menzionate prima che potrebbero andare ad irritarla ulteriormente.

 

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=3WPK&webforms_id=19683002″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]

Chat con Parrucchieri Revolution
Invia a WhatsApp